Da Roma a Parigi, i pellegrini per la terra fanno tappa a Expo

wpid-wp-1445624170143.jpeg

Hanno fatto tappa anche all’Edicola Caritas i pellegrini contro il cambiamento climatico in marcia verso Parigi.

Una ventina di persone, delegazione della carovana di “Una Terra, Una Famiglia Umana. In cammino verso Parigi”, partita il 30 settembre da piazza San Pietro, con la benedizione di Papa Francesco, e composta da pellegrini dai 19 ai 69 anni provenienti da Filippine, Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Germania e altri paesi, stanno percorrendo oltre 1200 chilometri nella penisola in 27 tappe, a piedi e con mezzi pubblici, sino ad Aosta per poi passare in Svizzera, a Ginevra, il prossimo 2 novembre, e arrivare infine a Parigi dove si svolgerà, a partire dal 30 novembre, la XXI Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima.

Si tratta di una iniziativa di The People’s Pilgrimage, il movimento interreligioso coordinato da Yeb Sano, alto funzionario del Ministero dell’Ambiente della Repubblica delle Filippine e sostenuto in Italia da FOCSIV, Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario, che annovera 73 Organizzazioni attive in oltre 80 paesi del mondo.

wpid-wp-1445624169891.jpegVenerdì scorso i pellegrini hanno raggiunto Milano e hanno scelto di portare il loro messaggio anche all’Expo, fermandosi all’Edicola Caritas, a Cascina Triulza, e nei padiglioni di Slow Food e Coldiretti. Continua a leggere

Annunci

Lea, la guida francese dell’Edicola: «Milano e Marsiglia, le mie due città multiculturali»

Lea, in servizio civile per Caritas
Lea, in servizio civile per Caritas

È lei, spesso, ad accogliere i visitatori di lingua francese e inglese.
È stata lei ad accompagnare nella visita lo chef del Principe di Monaco, sempre lei pochi giorni fa a guidare la delegazione Onu giunta all’Edicola per il World Humanitarian Day.

Ventisei anni, di Marsiglia, ti incanta con il suo accento franscese: si chiama Lea ed è una delle ragazze in servizio civile Caritas, per questi sei mesi di Expo in forza al nostro piccolo padiglione.

Come ci sia finita qui, da Marsiglia, è una delle prime cose che viene da chiederle.

Continua a leggere

Gli chef dei Capi di Stato: «Come in famiglia, combattiamo lo spreco»

chefs-des-chefs-refettorio-(1-of-1)

Una ventina di chef personali di altrettanti Capi di Stato hanno cucinato ieri a mezzogiorno al Refettorio Ambrosiano.

La struttura, gestita dalla Caritas ambrosiana, apre solitamente le porte alle persone in difficoltà. Ieri, invece, sedevano ai tavoli un centinaio di residenti del quartiere di Greco, quartiere milanese che ospita la struttura.

Gli chef fanno parte di un club esclusivo, il Club des Chefs des Chefs: per esserne parte, è necessario essere gli chef personali di un Capo di Stato in carica. Una settimana l’anno, il club si riunisce e partecipa a iniziative di solidarietà, come accaduto al Refettorio.

Continua a leggere

Da Vercelli a Marsiglia, un’Expo per scuole e famiglie

Dopo la sbornia dei primi giorni, del primo weekend, delle passerelle dei vip, oggi è lunedì. E i volti, oggi, cambiano. Expo si scopre meta dei ragazzi delle scuole.

Al padiglione della Santa Sede a riscuotere successo è soprattutto la tavola interattiva, attorno alla quale si sono affollati per tutto il giorno gruppo di ragazzini con i loro insegnanti.

wpid-wp-1430756582582.jpeg«Durante quest’anno scolastico abbiamo portato avanti un programma educativo sul tema “Nutrire il pianeta” – racconta suor Sara, giovane insegnante dell’Istituto Regina Carmeli di Milano. – La visita a Expo di oggi con le classi di quinta elementare è una tappa di questo progetto. Il 23 maggio, poi, faremo una specie di nostra “mini Expo” a scuola. E a ottobre invece porteremo in visita i più piccoli». Continua a leggere