L’emozione di Abbè Jean: «Il mio Paese al padiglione della Santa Sede»

Abbè Jean Ouèdrago al padiglione Santa Sede
Abbè Jean Ouèdrago al padiglione Santa Sede

Nel padiglione della Santa Sede, a rotazione, scorrono le immagini di tre cortometraggi.

Tre storie, tre piccoli gioielli che raccontano altrettante esperienze di solidarietà che la Chiesa ha attivato in zone del mondo che si trovano in difficoltà: Ecuador, Kurdistan Iracheno e Burkina Faso.

Ed è proprio davanti a Un po’ d’acqua, il corto ambientato in Burkina Faso e che fa riferimento al brano di vangelo della donna samaritana al pozzo di Sicar, che si è incantato, ieri, Abbè Jean Ouèdrago, sacerdote del Burkina Faso in visita a Expo.

«Sono rimasto molto colpito dalla bellezza e dalla forza comunicativa del padiglione. Lo sono stato poi soprattutto quando ho riconosciuto il mio Paese in questo filmato che ho avuto modo di ammirare durante la mia visita».

Continua a leggere

Pasqua per gli altri: le donne e i giovani della Caritas del Burkina Faso

don francesco soddu
don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana

«Siamo tutti parte di una sola famiglia. In un mondo globalizzato e caratterizzato da fenomeni epocali, dalla crisi economica alle grandi migrazioni, dal cambiamento climatico ai conflitti sempre più violenti, tutti dovremmo sentirci più vicini. Eppure il rischio più grande è quello che papa Francesco chiama la globalizzazione dell’indifferenza. Non chiudiamoci a riccio ma apriamoci agli altri nel quotidiano».

È l’augurio per la Pasqua 2015 di don Francesco Soddu, direttore di Caritas Italiana, che proprio in questi giorni in cui abbiamo ricordato Gesù farsi cibo per l’uomo, torna a riflettere «Superare lo scandalo della fame è una delle principali sfide che abbiamo di fronte per dare sostanza al nostro impegno in favore della dignità di ogni persona, parte di un’unica famiglia. E per far sì che che nostre comunità diventino isole di misericordia in mezzo al mare dell’indifferenza». Continua a leggere