Da Roma a Parigi, i pellegrini per la terra fanno tappa a Expo

wpid-wp-1445624170143.jpeg

Hanno fatto tappa anche all’Edicola Caritas i pellegrini contro il cambiamento climatico in marcia verso Parigi.

Una ventina di persone, delegazione della carovana di “Una Terra, Una Famiglia Umana. In cammino verso Parigi”, partita il 30 settembre da piazza San Pietro, con la benedizione di Papa Francesco, e composta da pellegrini dai 19 ai 69 anni provenienti da Filippine, Stati Uniti, Inghilterra, Francia, Germania e altri paesi, stanno percorrendo oltre 1200 chilometri nella penisola in 27 tappe, a piedi e con mezzi pubblici, sino ad Aosta per poi passare in Svizzera, a Ginevra, il prossimo 2 novembre, e arrivare infine a Parigi dove si svolgerà, a partire dal 30 novembre, la XXI Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima.

Si tratta di una iniziativa di The People’s Pilgrimage, il movimento interreligioso coordinato da Yeb Sano, alto funzionario del Ministero dell’Ambiente della Repubblica delle Filippine e sostenuto in Italia da FOCSIV, Federazione degli Organismi Cristiani Servizio Internazionale Volontario, che annovera 73 Organizzazioni attive in oltre 80 paesi del mondo.

wpid-wp-1445624169891.jpegVenerdì scorso i pellegrini hanno raggiunto Milano e hanno scelto di portare il loro messaggio anche all’Expo, fermandosi all’Edicola Caritas, a Cascina Triulza, e nei padiglioni di Slow Food e Coldiretti. Continua a leggere

Annunci

Pescate: una camminata nel parco per riflettere sulla Laudato Si’

pescate1Una camminata serale tra il Parco dell’Adda nella zona di Pescate e il Parco del Monte Barro, per celebrare la Giornata del Creato e riflettere sui temi proposti dall’Enciclica Laudato Si’.

Una bella iniziativa che vogliamo segnalarvi, e a cui vi invitiamo a partecipare, è quella organizzata per venerdì 4 settembre da realtà del mondo cattolico e associazioni ambientaliste del lecchese: Laudato Si’, rinnovare l’umano per custodire il creato.

Due i momenti principali.

La passeggiata, o meglio, le passeggiate: una dalle 17 alle 19 a cui sono invitati soprattutto i ragazzi e le famiglie, e una dalle 19 per gli adulti e i lavoratori.

Continua a leggere

Progetto Presidio: stimate decine di migliaia di migranti sfruttati in agricoltura

In un anno, duemila lavoratori stranieri sfruttati
nelle campagne di solo dieci diocesi italiane

Il progetto Presidio di Caritas Italiana presentato a Expo
svela che la piaga del lavoro nero in agricoltura
va oltre le stime ufficiali

Milano, 02 luglio 2015 – «In un anno, in solo dieci diocesi, abbiamo incontrato duemila lavoratori stranieri sfruttati nelle campagne; ma possiamo stimare che il fenomeno coinvolga almeno qualche decina di migliaia di persone nel nostro paese.

L’opinione pubblica si deve rendere conto che la speculazione che si fa sulla pelle di queste persone consente al consumatore di avere a un prezzo abbordabile primizie come l’anguria di Nardò o il pomodoro di Pachino.

image

Se si vuole risolvere il problema, bisogna risalire la lunga catena delle responsabilità, che parte dei datori di lavoro e arriva alla grande distribuzione, ma anche agire sui lavoratori, perché non si svendano a chi li strutta».

Lo ha detto a Expo Oliviero Forti di Caritas Italiana presentando il progetto Presidio, un’indagine condotta sul campo in 10 Caritas italiane: Acerenza, Caserta, Foggia, Melfi – Rapolla – Venosa, Nardò – Gallipoli, Oppido M. – Palmi, Ragusa, Saluzzo, Teggiano – Policastro, Trani – Barletta – Bisceglie.

La ricerca è stata presentata durante il convegno “Cibo, terra, lavoro: i migranti economici nell’area del Mediterraneo” in cui sono intervenuti David Mancini, Procuratore Distrettuale Antimafia dell’Aquila, don Raffaele Sarno, direttore della Caritas Diocesana di Trani–Barletta-Bisceglie, Manuela De Marco del progetto Presidio.

In Italia, secondo le fonti ufficiali sarebbero 5.400 le vittime di sfruttamento lavorativo.
La ricerca promossa da Caritas Italiana consente di dire che il dato ufficiale è largamente sottostimato.

Continua a leggere

Antonelli: «Land grabbing è violazione dei diritti umani»

Relatori del convegno in Expo
Relatori del convegno in Expo “Per nutrire davvero il pianeta”. A destra, Marta Antonelli

Il land grabbing come esempio del disequilibrio globale.

È la voce portata sabato 13 giugno al convegno Per nutrire davvero il pianeta da Marta Antonelli, ricercatrice all’Università IUAV di Venezia.

«A partire dal 2000 c’è stata una corsa all’acquisizione di terre da parte di investitori internazionali pubblici e privati in paesi dell’Africa e dell’Asia.

Continua a leggere

Hilal Elver: «In Occidente mancano leggi sul diritto al cibo»

Hilal Elver
Hilal Elver

«Il diritto al cibo è stato riconosciuto per la prima volta nel 1948 dall’Onu con la Dichiarazione universale dei diritti umani e ribadito nel ’66 dalla convezione.

Da allora cinquanta paesi hanno fatto leggi nazionali sulla materia.

Alcuni come il Brasile, il Guatemala, il Kenya e l’India hanno tutelato questo diritto anche a livello giudiziale, cosa che invece non si riscontra in molti paesi occidentali».

A dare questi dati è stata Hilal Elver, relatore speciale delle Nazioni Unite per il diritto al cibo, che è intervenuta sabato 13 giugno al convegno Per nutrire davvero il pianeta, organizzato a Expo da Caritas, Aggiornamenti Sociali, Fondazione Culturale San Fedele, Fondazione Lanza e WeWorld.

Continua a leggere

Mastrojeni: «164 guerre dovute a cause ambientali»

Grammenos Mastrojeni
Grammenos Mastrojeni

«164 conflitti nel mondo hanno un’origine ambientale.
Gli scontri in Nord Africa che hanno portato alla Primavera araba e al crollo di quei regimi sono stati preceduti da quattro anni di rivolte per il pane.
La Siria prima della guerra ha conosciuto anni di siccità mai viste prima che hanno spinto le persone a spostarsi dalle campagne alle città.
Il cambiamento climatico ha gettato nella miseria i contadini in Ciad dove ore prospera Boko Haram».

Dati interessanti che ha messo in luce Grammenos Mastrojeni, diplomatico e collaboratore del Climate Reality Project fondato da Al Gore, sabato 13 giugno al convegno Per nutrire davvero il pianeta, organizzato a Expo da Caritas, Aggiornamenti Sociali, Fondazione Culturale San Fedele, Fondazione Lanza e WeWorld.

Continua a leggere