Soresen, Ue: «Spezziamo insieme il circolo di conflitti e disuguaglianze»

Don Roberto Davanzo spiega il percorso dell'edicola a Claus Sorensen
Don Roberto Davanzo spiega il percorso dell’edicola a Claus Sorensen

Un ospite illustre ha visitato in questi giorni l’edicola Caritas: Claus Sorensen, membro della Direzione generale per gli aiuti umanitari e la protezione civile dell’Unione Europea.

Ad accompagnarlo e a fargli da guida, il direttore della Caritas Ambrosiana, don Roberto Davanzo.

Sorensen ha ascoltato con attenzione l’illustrazione del significato delle installazioni presenti all’interno dell’edicola, rimanendo particolarmente colpito dal messaggio dell’opera di Wolf Vostell, la Cadillac martoriata simbolo del consumismo sconsiderato.

«Questo piccolo padiglione – ha commentato Sorensen al termine della visita – ci parla di due importanti sfide che ci troviamo ad affrontare nel mondo.
La prima ha a che fare con la violenza e la fine del rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale. Esempi di ciò li vediamo tutti i giorni in Siria, Giordania e Libano, ma anche in America Latina, nelle grandi favelas».

«La seconda sfida riguarda le disuguaglianze. E cioè il fatto che la ricchezza sia concentrata nelle mani di pochi mentre la grande maggioranza dell’umanità è lasciata a soffrire senza l’aiuto dei più ricchi. I messaggi che arrivano dall’edicola Caritas sono moralmente molto forti e ci spingono a dover lavorare insieme per rompere i circoli viziosi dei conflitti politici e della concentrazione di ricchezza. Dobbiamo creare un futuro migliore per tutti e questo è un obiettivo che va oltre le religioni e deve diventare un valore condiviso da tutta l’umanità».

Sorensen ha poi registrato il videomessaggio di un minuto che tutti possono lasciare una volta finita la visita. È il momento della partecipazione, l’ultima tappa del percorso di senso che sollecita i visitatori a raccontare una propria esperienza di condivisione.

Cosa che anche Sorensen ha fatto.

Claus Sorensen e don Roberto Davanzo (al centro) con i volontari dell'Edicola
Claus Sorensen e don Roberto Davanzo (al centro) con i volontari dell’Edicola
Annunci