La denuncia e l’aiuto: il compito di Caritas secondo una coppia in visita dall’Austria

wpid-31.jpgÈ il primo padiglione che visitano, sono appena entrati a Expo e l’Edicola Caritas li ha subito invitati a entrare.

Sono una coppia in arrivo da un piccolo paesino dell’Austria, a 100 chilometri da Vienna.

Ma per lei non è la prima volta a Milano, anzi, è un po’ come tornare a casa, dato che nel capoluogo lombardo ci ha lavorato per qualche anno.

Conoscono la realtà della Caritas, ci raccontano, soprattutto quella del loro paese. Hanno partecipato qualche giorno fa alla raccolta fondi che anche Caritas Austria ha attivato a favore delle popolazioni colpite dal terremoto in Nepal.

«La Caritas è attiva anche nel paesino dove abitiamo – ci spiegano. – Lavora molto bene soprattutto con gli anziani soli, con quelli che hanno problemi di salute».

«Non so cosa aspettarmi dagli altri padiglioni, non mi sono ancora fatta un’idea», ci confida lei in inglese, in cui cerca di inserire qualche parola di italiano che ricorda ancora. «Ma da Caritas mi aspettavo proprio questo: un messaggio molto forte di denuncia della povertà e della fame nel mondo. Credo che sia questo il compito della Caritas: mostrare la povertà, i problemi, e portare aiuto».

Annunci