Le «estreme riserve» di monsignor Bressan sull’Europa. Voci dal #CaritasDay

Monsignor Luigi Bressan, presidente di Caritas Italiana
Monsignor Luigi Bressan, presidente di Caritas Italiana

«In estrema miseria è un diritto provare a cercare altrove. E non è con le forze militari che si trova una soluzione: il problema è migliorare le condizioni di vita».

Le parole di monsignor Luigi Bressan, presidente di Caritas Italiana, suonano pesanti alla conferenza stampa del Caritas Day in Expo.

Lui, che racconta di essere stato sei anni a Strasburgo e conoscere bene i meccanismi politici dell’Unione Europea, non lascia passare sotto silenzio le decisioni prese dall’UE lunedì in materia di immigrazione.

«Ho estreme riserve sulle decisioni appena prese dall’UE. L’Europa all’inizio era molto più solidale verso gli altri paesi, ma poi si è ristretta molto sui suoi problemi.
L’Africa è una grande riserva anche a livello agricolo, e purtroppo vive in miseria».

E poi, la necessità di sensibilizzare la società.

«Una comunità che non soffre la fame può concentrare le sue risorse sulla crescita culturale, sociale e spirituale. Ma anche dove non si soffre la fame, ci sono altri diritti che occorre rispettare, come il lavoro. Anche nei Paesi industrializzati».

Annunci