La bella sfida del quartiere di Greco

Refettorio Ambrosiano
Il Refettorio Ambrosiano. Foto da comunitapastoralegorettigreco.it

Ci sono quartieri della periferia di Milano che raccontano ancora una storia fatta di vecchi borghi gelosi della propria identità, dove gli anziani mostrano fieri la carta d’identità rilasciata dal comune di Lambrate, o di Crescenzago, o di Greco, quando ancora non erano stati annessi a Milano.

E proprio nel quartiere di Greco, uno di questi orgogliosi antichi borghi, c’è un piccolo teatro che ha accolto sul palcoscenico nomi nazionali dello spettacolo, da Renzo Arbore al trio Aldo, Giovanni e Giacomo, e che poi è stato chiuso e dimenticato per anni.

Oggi, alla vigilia di Expo, il teatro anni ’30 della parrocchia di San Martino in Greco si prepara a tornare a vivere. Lo fa con un progetto particolare, a cavallo tra solidarietà e arte, tra cultura ed educazione. Si trasformerà infatti – anche grazie a un pregevole restauro – nel Refettorio Ambrosiano, una mensa speciale con novanta posti riservati alle persone senza dimora e i nuovi poveri che popolano la città, e che aprirà le cucine proprio durante il periodo dell’Esposizione Universale. Ai fornelli si alterneranno per un mese quaranta tra i più famosi chef del mondo, che cucineranno i loro piatti recuperando gli scarti e gli avanzi delle cucine dei vari Padiglioni.

Il progetto, nato da un’idea dello chef Massimo Bottura e del regista Davide Rampello, è promosso dalla Caritas Ambrosiana insieme alla Diocesi di Milano. E la Caritas assicurerà anche la gestione quotidiana del servizio: un servizio che non si esaurirà con l’Expo, ma che rimarrà come segno e come dono alla città anche dopo ottobre, quando verrà inserito nella rete di servizi alle persone disagiate che già è attiva in città, e sarà un luogo dove trovare non solo un pasto caldo, ma anche un aiuto a trovare un lavoro e a rimettersi in piedi, dove trovare una comunità.

Una bella sfida per Greco, ancora un po’ vecchio borgo, ma già molto metropoli moderna dove si mescolano povertà, immigrazioni e solitudini.

Qui maggiori informazioni sul progetto del Refettorio Ambrosiano

Annunci

One thought on “La bella sfida del quartiere di Greco

I commenti sono chiusi.